Lo smog manda il cervello in tilt

9 04 2008

La scoperta è dello studioso Paul Borm dell’Università olandese D Zuyd, che ha monitorato con l’elettroencefalogramma l’attività celebrale D un gruppo D volontari esposti ai livelli D inquinamento atmosferico simili a quelli respirabili normalmente nel traffico cittadino delle ore D punta. Borm ha scoperto che lo smog altera l’attività già dopo mezz’ora. Non solo: il danno aumenta se cresce il tempo trascorso nel traffico. Secondo quanto riferito sulla rivista “Particle and Fibre Toxicology” il cervello reagisce all’inquinamento come in risposta allo stress e gli effetti perdurano anche nelle ore successive all’esposizione. “Crediamo – hanno concluso gli autori del lavoro – che questi effetti siano in gran parte determinati dalle particelle fuligginose presenti nelle emissioni dei motori diesel.”.

Articolo pubblicato sul quotidiano gratuito “City” dell’11 Marzo 2008.

Annunci

Azioni

Information

One response

12 04 2008
tuttoblog.com

Lo smog manda il cervello in tilt…

La scoperta è dello studioso Paul Borm dell’Università olandese D Zuyd, che ha monitorato con l’elettroencefalogramma l’attività celebrale D un gruppo D volontari esposti ai livelli D inquinamento atmosferico simili a quelli respirabili normalmente nel…

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...




%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: