Nucleare: “Italiani: il 60 % è contrario”

22 06 2009

Nella cartina sono evidenziate tutte le fonti di un possibile inquinamento nucleare per l’Italia.

Il 60 % degli italiani è contrario al nucleare: per quasi sette cittadini su 10 è pericoloso. Mentre le fonti alternative piacicono a otto italiani su 10: il 75 % vorrebbe l’energia solare e il fotovoltaico.  Le questioni ambientali però, preoccupano il 68,7 % dei cittadini, più del
rischio terrorismo e guerre (22,1 %) e del problema casa (4,9 %). Emerge da una ricerca effettuata da Lorien Consulting per Legambiente.

Fonte: “City” quotidiano gratuito del 28 Maggio 2009.

Annunci




Crotone, scuole costruite sui rifiuti tossici

28 09 2008

Anziché smaltire quei rifiuti altamente cancerogeni C hanno costruito
sopra tre scuole: due a Crotone e una a Cutro, in Calabria. E con lo
stesso materiale hanno tirato su villette, alloggi popolari, banchine
portuali e strade.
Gli studenti e non solo loro sono rimasti seduti su una micidiale miscela
D scorie provenienti dal processo produttivo dello stabilimento
metallurgico Pertusola Sud, chiuso alla fine degli anni ’90 e dall’Ilva
D Taranto. Lo ha scoperto la Procura D Crotone, che ha fatto sequestrare 18 aree. Sette gli indagati. Le scorie – in cui vi sono tracce D arsenico,
zinco, piombo, indio, germanio e mercurio – avrebbero dovuto essere
smaltite in discarica; invece sono state cedute a due imprese edilizie che le hanno impiegate nei loro cantieri.

Articolo apparso sul quotidiano a distribuzione free “City” del 26 Settembre 2008.





La Campania prima per reati ambientali

17 07 2008

Al primo posto nella classifica dell’illegalità ambientale redatta da Legambiente rimane ancora la Campania, seguita dalla Calabria. In queste due regioni si concentra il 30 % degli illeciti individuati in tutta Italia.
Al terzo posto c’è la Puglia; poi Lazio e Sicilia, Il primato, quindi, va al Sud Continentale ( cioè, alle quattro regioni a più alta concentrazione mafiosa ). In Campania anche nell’ultimo anno lo smaltimento illegale D rifiuti pericolosi, spesso provenienti da altre regioni, si è sommato alla catastrofica gestione del commissariamento. Nel Foggiano in particolare vengono scaricati illegalmente nei terreni agricoli i rifiuti prodotti dal Centro Nord: scorie spesso spacciate per compost.

Articolo pubblicato dal giornale a distribuzine gratuita “City” del 5 Giugno 2008.