Nucleare: “Italiani: il 60 % è contrario”

22 06 2009

Nella cartina sono evidenziate tutte le fonti di un possibile inquinamento nucleare per l’Italia.

Il 60 % degli italiani è contrario al nucleare: per quasi sette cittadini su 10 è pericoloso. Mentre le fonti alternative piacicono a otto italiani su 10: il 75 % vorrebbe l’energia solare e il fotovoltaico.  Le questioni ambientali però, preoccupano il 68,7 % dei cittadini, più del
rischio terrorismo e guerre (22,1 %) e del problema casa (4,9 %). Emerge da una ricerca effettuata da Lorien Consulting per Legambiente.

Fonte: “City” quotidiano gratuito del 28 Maggio 2009.

Annunci




Ecco la top ten delle Nazioni più inquinate

3 01 2009

E’ praticamente l’opposto delle usuali classifiche sui posti più belli e desiderati del mondo: quella dei Paesi che tutti vorrebbero evitare, quelli più inquinati del pianeta. L’Associazione ambientalista americana Blacksmith Institute, ha stìlato la classifica dei luoghi in cui le malattie dovute allo smog sono all’ordine del giorno.
Ogni regione della graduatoria può “vantare” inquinamenti da Centrali nucleari o fumi tossici da impianti petrolchimici, dispersioni D metalli pesanti dell’industria mineraria o veleni rilasciati da fabbriche D armi chimiche.
La famigerata Chernobyl che per molti rappresenta un vero e proprio simbolo D inquinamento, figura solo al nono posto. Il poco invidiato primato spetta invece a Sumgayit ( Azerbaijan ), uno dei poli petrolchimici più importanti dell’ex Urss. Seguono due siti cinesi: Linfen, dove l’aria è irrespirabile a causa delle polveri e Tianying, inquinata dal piombo. A seguire, altri “luoghi infernali” posti in Russia, India, Perù e Zambia. L’Italia non c’è: le nostre metropoli, infatti, non figurano, per ora, nella to ten.

Fonte: “City” del 5 Dicembre 2008.





Un referendum per il nucleare

15 10 2008

Solo metà dei lituani ha votato al referendum per prolungare l’esistenza della Centrale nucleare D Ignalina, ma il 92 % dei votanti ha chiesto D rinviare la chiusura.

Articolo tratto dal quotidiano a distribuzione gratuita “Metro” del 14 Ottobre 2008.

Per altre notizie sul nucleare e sul nucleare in Italia Vi rimando ai seguenti articoli:

https://stvenworldnow.wordpress.com/tag/nucleare





Il Kazakistan sarà il primo produttore di uranio

27 07 2008

Il Kazakistan potrebbe diventare il primo produttore mondiale D uranio nel 2009. Lo ha detto Mukhtar Jakishev, Presidente dell’Agenzia atomica nazionale Kazatomprom.

Articolo tratto dal quotidiano free “City” del 23 Luglio 2008.





Quarto incidente in centrale nucleare spagnola

18 07 2008

Nuovo incidente alla centrale nucleare D Cofrentes, nei pressi D Valencia, in Spagna:si è registrato un aumento D potenza non programmata superiore al 20 % D quella autorizzata.
I sistemi D sicurezza hanno impedito fughe radioattive. Si è trattato però del quarto incidente in 12 giorni a Cofrentes.

Articolo tratto dal free press “City” del 14 Luglio 2008.

Intanto a Londra è in dirittura D arrivo il progetto D costruzione D nuove centrali nucleari ( vedi QUI ) e da poco si è tolto l’ultimo combustibile al reattore D Chernobyl.

Per altri approfondimenti e news sul nucleare Vi rimando QUI, QUI, QUI e QUI.





Gli Usa potenziano l’arsenale atomico

13 06 2008

Il Segretario alla Difesa Usa, Robert Gates, ha spiegato ieri che l’arsenale nucleare americano crescerà certamente nei prossimi anni per contrastare l’aumento della potenza nucleare russa. “E’ importante per noi – ha detto Gates – mantenere una dissuasione nucleare efficace.”.

Articolo apparso sul free press 24″ del 10 Giugno 2008.





Londra: Nucleare – La bonifica costa 92 miliardi di Euro

3 06 2008

I costi per la “pulizia” dei siti delle 19 centrali atomiche britanniche – ora in via D smantellamento – sono saliti a 92 miliardi contro i 15 previsti. Londra ha deciso D costruire 22 nuove centrali atomiche nei prossimi anni.

Articolo a cura D Davide Casati pubblicato sul quotidiano a distribuzione gratuita “City” del 30 Maggio 2008.