Ecco il sistema scova-utenti: l’anonimato vacilla

5 01 2009

L’anonimato sul web potrebbe avere i giorni contati. In base al sito Gnet, il governo cinese avrebbe proposto uno standard tecnico alle Nazioni Unite per risalire alla fonte originale D tutte le comunicazioni in Rete. Gli esperti D tecnologia tremano: al progetto sta collaborando anche la Nsa ( National Security Agency ) americana. Ma un eventuale dispositivo che consenta D risalire all’autore D ogni “mossa” sul web pone più D un allarme anche in materia D privacy, che verrebbe meno anche per i fornitori D servizi che invece la garantiscono.
Certo, in caso D attacchi D hacker, il sistema è indubbiamente risolutivo. Ma le Nazioni Unite non possono imporre gli standard da usare sul web e le informazioni su IP Traceback ( così si chiama il sistema ) che l’Unione Internazionale delle Telecomunicazioni ha fornito sono poche. Nei prossimi mesi ne verrà verificata l’applicabilità.

Fonte: Valerio Mingarelli “Metro” del 17 Settembre 2008.





Tecnologia: Scambio di dati ultraveloce

24 12 2008

Un dispositivo low-cost a base D silicio consentirà D mandare e ricevere informazioni ad altissima velocità tra computer o altre apparecchiature elettroniche. Si chiama Avalanche Photo Detector e – secondo la rivista Nature Photonics – permetterà una velocità internet dai 10 ai 100 Gigabyte al secondo.

Fonte: “City” del 11 Dicembre 2008.





Social Network: l’amore degli italiani per i Social Network

6 12 2008

L’amore degli italiani per i social network emerge da un recente sondaggio condotto dall feltrinelli, secondo cui nel 2008 in Italia su 24,3 milioni D navigatori in internet, 3,4 milioni possiede un blog, mentre gli iscritti ai social network sarebbero 4,7 milioni.
La ricerca ha confrontato i dati ufficiali D Nielsen, Forrester e Simmaco con quelli presenti nel proprio database sull’utilizzo dei social network in Italia. I risultati mostrano inoltre che, se si utilizza il parametro del numero D iscritti, MySpace resta la community più popolata d’Italia, con 2,7 milioni D utenti contro i 900000 D Facebook.

Fonte: Antonio Carlo Larizza “24” del 1 Ottobre 2008.





Una casa su cinque evade il canone Rai

4 12 2008

Nel Lazio una famiglia su cinque non paga il canone Rai. A livello provinciale è Rieti la maglia nera ( 27,1 % ), seguita a distanza da Latina ( 22,6 % ),
Frosinone ( 21,9 % ), Viterbo ( 21 & ) e Roma ( 20,8 % ).
Risultati che tutto sommato possono soddisfare i dirigenti D Viale Mazzini, dato che la regione si piazza al dodicesimo posto, ben lontana da realtà come la Campania e la Sicilia, dove l’evasione è doppia e supera il 40 %. Senza contare valori come quelli delle provincie D Napoli e Catania, olte il 50 %.
Questi i dati aggiornati al 31 Dicembre 2007 forniti dalla tv pubblica.
La legge che istituisce il canone Rai appartiene alla preistoria delle comunicazioni: fu emanata dal Governo Mussolini nel 1938 quando il televisore era stato da oco inventato, anche se in Italia si sarebbe diffuso a livello D massa solo begli anni ’50.
La norma stabilisce il pagamento per chiunque abbia apparecchi “atti o adattabili” a ricevere radiotrasmissioni. Chi ha quindi una televisione e guarda solo programmi non RAI, deve comunque mettere mano al portafogli.

Fonte: Articolo a cura D Andrea Marini e Serena Riselli tratto dal free press “24” del 1 Ottobre 2008.

Tempo fa si discusse sulla modifica delle legge in questione per aggiungere anche i personal computer alla lista degli “apparecchi” da tassare, per la ricezione D segnali tv, in quanto, appunto, i pc sono abilitati anche a questo uso. Si sa, basta avere una connessione internet per poter vedere ( gratis, il più delle volte ) partite D calcio, serie tv e film in streaming sui canali web in chiaro. Nella speranza che questo non avvenga mai ( visto che già siamo “obbligati” all’acquisto della piattaforma digitale terrestre, anticipata addirittura alla fine del 2008, in Italia )
Vi saluto.

Ciaoo, Steven.

La.St.





Come risolvere i problemi di risoluzione dello schermo del pc

2 11 2008

Molti monitor a tubo catodico hanno difficoltà a visualizzare le risoluzioni panoramiche dei computer recenti: è una limitazione hardware a cui non cè rimedio.
Se però si è possessori D una scheda ATI o Nvidia recente, si può installare l’ultima versione dei suoi driver ( ove compatibile con la propria configurazione ) reperibili dal web all’indirizzo http://www.ati.com oppure http://www.nvidia.com. L’installazione completa dei driver video carica anche un programma per modificare le impostazioni D temporizzazione dell’immagine, che a volte risolve i problemi D compatibilità con il monitor. Attivate la modalità avanzata D ATI Catalyst Control Center o D Nvidia Control Center, poi andate ala scheda D regolazione delle impostazioni del monitor e provate a cambiare la polarità dei sincronismi o a spostare orizzontalmente il quadro dell’immagine verso destra o sinistra, recuperando la centratura con i controlli del monitor.

Utile quando compare, ad esempio, una striscia D colore nero verticale che impedisce la chiusura D un programma in uso o per togliere la striscia laterale sullo schermo, questa mini guida è stata pubblcata sul quindicinale “Computer Idea” n.213.

Ciaoo, Steven.

La.St.





Cosa fare se l’Hard Disk si scollega da solo

26 10 2008

Facilmente il problema che segue, capita con le memorie esterne che usiamo, per praticità, per avere sempre con noi i nostri file dietro. Molto spesso il disco scompare dall’elenco risorse del computer per poi magari riapparire quasi immediatamente. Come risolvere questo angustiante problema? Soprattutto dopo aver speso una somma consistente per il nostro Hard Disk portatile? Il difetto può essere provocato da un guasto hardware, come un connettore o un cavo difettoso ma è spesso dovuto al crash del protocollo USB causato da un bug D Windows o della periferica:
la connessione si interrompe durante il trasferimento D un blocco D dati che supera la dimensione del buffer D trasferimento. Per ottenere la versione senza difetti del driver USB D Windows XP si deve reinstallare il Service Pack 2 e poi tutti gli aggiornamenti automatici mentre se il difetto dipende dal firmware del vostro HD si deve consultare il servizio D assistenza tecnica del produttore della periferica portatile.

Guida e soluzione tratta dal quindicinale “Computer Idea” n. 213.





Come navigare sul web in completo anonimato

26 09 2008

Oggi Vi voglio segnalare un servizio gratuito davvero interessante:
sto parlando D http://anonymouse.org/anonwww.html . Questo sito infatti, promette la navigazione sicura e protetta dai motori D ricerca che solitamente hanno il “vizio” D registrare IP e sito visitato ogni giorno.
Ebbene usarlo è davvero un gioco da ragazzi: basta, infatti,  ( una volta collegati all’indirizzo ) digitare nella barra al centro della pagina, il link che si vuole visitare.
Ciaoo spero D essere stato utile!

La.St.